Crea sito
TESTIMONIANZE

In Paradiso a cosa rassomiglierà la nostra vita?

Gesù è il primo corpo risorto, Gesù con la sua resurrezione, ha aperto le porte in Paradiso. Quindi in Paradiso non saremo solo spirito ma anche copro, questa è una verità di fede. Gesù quando è risorto, è stato sulla terra con il suo corpo glorioso, per quaranta giorni e coloro che ebbero il privilegio di vederlo, toccarlo, osservarlo, palpare le sue carni, dichiararono con audacia; è risorto per davvero, non è un fantasma!

Gesù risorto, si è mostrato proprio l’uomo che era prima, quindi uguale a prima, non con un altro corpo, ma lo stesso corpo di prima. Ciò significa che in Paradiso non saremo meno uomini e meno donne di adesso. Gesù infatti è rimasto uomo in mezzo agli uomini, dopo la sua morte in croce è risorto come aveva promesso e con il corpo di prima. Questo lo ribadisco perché è di fondamentale importanza. Questo corpo di Gesù poi è salito al cielo, è salito nel Regno Eterno, così come gli apostoli lo hanno visto; non in versione fantasma come tanti dicono che in Paradiso saremo schegge di luce, o altre sciocchezze del genere. Noi cristiani quindi prenderemo il nostro corpo che risorgerà ma senza difetti. Quindi il corpo mutilato, o difettato non esisterà ma risorgerà glorioso.

Gesù dopo la sua resurrezione, mangiò del pesce come possiamo ricordare sulla riva del lago, si sedette in mezzo a loro e mangiò dopo averli serviti. Gesù ritorna alla vita uguale a come era prima, non un’altra persona, non trasformato in altra cosa… no! Lo stesso di come gli apostoli l’avevano conosciuto; con le stesse abitudini umane che aveva prima. Gesù è rimasto essenzialmente Lui e lo sarà per sempre in cielo.

Quindi la nostra vita nel Regno dei cieli, sarà come quella di Gesù; anche noi riprenderemo il nostro corpo ed il meglio di noi sarà fulgido, luminoso, saremo sempre noi, non altre persone, non trasformati in angeli, no! Saremo quelli di sempre solo che non avremo più difetti fisici, perché il nostro corpo risorto non sarà più soggetto a questo mondo.

La nostra vita eterna non sarà meno sensibile che intellettiva, non meno materiale visto che avremo sempre un corpo. Il nostro corpo sarà reale come adesso, fatto di carne ed ossa proprio come oggi, Gesù e Maria hanno in cielo; la differenza sarà il suo aspetto non più corrotto dal tempo e dalle malattie, non più sofferente e triste, ma glorioso, pieno della sua reale bellezza.

Tag

Articoli correlati

Close