Crea sito
SPIRITUALITA'

Il salvataggio sulla spiaggia

Sulla spiaggia stavano dei bagnanti; ad intervalli alcuni si tuffavano nell’acqua.
Una signorina, poco pratica di nuoto, si azzardò a scostarsi troppo dalla riva; all’im­provviso sparì nell’acqua. In meno che si dica, non conoscendo le regole del nuoto, andò a fondo. Un altro bagnante, molto esperto, vista la scena, corse in aiuto per attuare un salvataggio. Si tuffò a capofitto ed in fondo al mare trovò la signorina, la quale si dibatteva. Per prima cosa l’afferrò per la chioma e poi le battè la testa sul fondo del mare. In pochi secondi furono a galla tutti e due. Alla signorina si fece vomitare l’acqua inghiottita e le si apprestarono i rimedi del caso, e così il salvataggio riuscì a meraviglia. Il suo primo lamento fu: Sento male alla testa! – Appena si riprese discretamen­te, chiese a chi l’aveva salvata e chiedendo:

-Perché mi ha fatto battere la testa?

– Eh, signorina, se non avessi fatto così a quest’ora saremmo ambedue morti. Lei, per salvarsi, si sarebbe aggrappata a me istin­tivamente, mi avrebbe stretto alle braccia, non avremmo potuto muoverci e saremmo rimasti a fondo tutti e due. Quel colpo alla testa l’ha stordita, io sono stato libero nei movimenti ed in un attimo l’ho portata a galla

Lodevole la tattica usata, ma più lodevole il pronto accorrere del giovane salvatore che non ha esistato a compiere un salvataggio per il bene altrui pur rischiando la propria vita.

Quando le passioni corporali insorgono e la malvagità diabolica le intensifica, essen­do grave il pericolo che sovrasta all’anima, il Signore comincia subito l’opera di salvataggio; suscita allora in mente dei buoni pensieri, quali?

Dio vede tutto!C’è l’in­ferno! … Si può morire! Guai a chi abusa della Divina Misericordia!… E men­tre dà luce all’intelligenza, dà forza anche alla vo­lontà.
L’anima, mentre è nel vortice della tenta­zione, deve accettare il celeste salvataggio e cioè deve riflettere sul pericolo che corre, pregare ed assecondare meglio che può il la­voro che compie in ogni cuore la Grazia Divina. Se non fa questo, resta presto vittima della tentazione.

Fonte
Don Giuseppe Tomaselli
Tag
Close