Vogliamo cambiare la nostra vita? Allora bisogna darsi tutto a Dio

Bisogna cominciare con una forte e costante risoluzione di darsi tutto a Dio,  se non mettiamo tutta la nostra volontà, nulla mai cambierà. Dobbiamo quindi come già detto darsi tutto a Dio senza riservare nulla per noi stessi. Dobbiamo avere la piena fiducia ed abbandonarci nelle sue braccia.

Darsi tutto a Dio vuol dire rinunciare pienamente a noi stessi ma acquistare in Lui tutta la sua pace, la sua gioia, la sua Grazia.  Possiamo senza mezzi termini, anche e dobbiamo farlo, protestare in una maniera tenera ed amorosa, che venga dal fondo del cuore, quando le cose vanno per il verso sbagliato…Dio ci ascolterà perché ascolta colui che lo teme. Darsi tutto a Dio significa anche sentirsi le spalle coperte. Sentirsi difesi, sentire su di sè lo sguardo amorevole di Dio.

Se vogliamo cambiare la nostra vita, l’unica soluzione è appartenere al Signore completamente. Chi va da Lui solo quando sente il bisogno, o solo nelle necessità; non otterrà niente e se ottiene, prima o poi si svuoterà. Noi dobbiamo conquistare il cuore di Cristo, dobbiamo immergerci in Lui e vedrete come tutto cambierà. La nostra vita, il nostro modo di essere: tutto proprio tutto sarà bellissimo. Anche il soffrire diventerà dolce perché Dio sarà al nostro fianco.

S. Filippo Neri, per l’acquisto della Perfezione, spesso, anzi spessissimo, rinnovava i suoi buoni propositi. San Francesco di Sales faceva di tanto in tanto la rinnovazione di spirito, ed in quella concepiva sempre nuovi desideri di servir meglio a Dio.

San Giovanni Beremans fin dal principio della sua vita Religiosa, mise nel cuore un vero proposito di volersi fare Santo, questo proposito fu sempre costante in tutte le pratiche e risoluzioni, che a questo fine intraprendeva ; ma ogni giorno prendeva nuovo vigore per un suo profitto spirituale. Quante anime sia religiose e sia laiche, proponendosi di voler raggiungere la santità, hanno fatto di tutto per mantenere tal proposito e Dio non le ha deluse. Addirittura c’era chi lo scriveva ai piedi di un crocifisso, appendendolo appunto attraverso un laccetto con un cartoncino con su scritto: ” Voglio farmi santo”.

Dobbiamo solo desiderarlo e metterci nelle mani di Dio, tutto il resto lo farà Lui. E se cadiamo nelle imperfezioni; usiamo quelle cadute come occasioni per umiliarci dinanzi a Gesù; Lui ama tanto le anime umili! A tutti noi auguro di farci santi.